Torre dei Conti

Torre dei Conti

La torre dei Conti, di epoca medievale, fu edificata sopra la struttura, in opera quadrata, di una delle quattro esedre del Tempio della Pace.

Nell’858 fu eretto un primo nucleo da Pietro dei Conti di Anagni mentre nel 1203 si realizzarono lavori di ampliamento per volere di Papa Innocenzo III o, secondo fonti diverse, da suo fratello Riccardo Conte di Sora. Inizialmente era rivestita con travertino che fu successivamente asportato nel XVI secolo per la costruzione di Porta Pia. Papa Alessandro VIII la fece ristrutturare alla fine del Seicento, ponendovi due contrafforti di rinforzo. Le successive aperture alla fine dell’Ottocento di via Cavour e, in epoca fascista, di via dei Fori Imperiali, la misero in una posizione isolata rispetto alle limitrofe costruzioni. Nel 1937 la torre fu donata da Mussolini alla Federazione nazionale arditi d'Italia che vi rimasero fino al 1943.

Nel 1938 il salone del tempio della Pace sulle cui mura perimetrali si sorregge la torre, fu adibito a mausoleo del generale degli arditi Alessandro Parisi, Presidente della Federazione, il quale proprio in quell’anno morì per un incidente stradale. Nella sala, le spoglie del generale sono tuttora conservate in un sarcofago di epoca romana.

Galleria