Insula dell'Ara Coeli

Insula dell'Ara Coeli

Tra il Vittoriano e la scalinata dell'Ara Coeli, sono visibili i resti di un'insula, ossia di una casa d'affitto romana, la forma di abitazione più comune nella Roma imperiale.

L'edificio venne risparmiato dai lavori di demolizione che interessarono negli anni '30 tutte le pendici del colle capitolino, durante i quali fu rimossa la settecentesca chiesa di S. Rita (poi ricostruita tra il Teatro di Marcello e piazza Campitelli) che aveva inglobato l'abitazione romana.

Riemersero anche il campanile romanico e un arcosolido decorato con un affresco trecentesco, ancora oggi visibili, appartenenti alla chiesa di S. Biagio de mercato che durante il '600 era stata trasformata nella chiesa di S. Rita.

L'edificio era costituito da almeno cinque piani, ancora oggi conservati. Al piano terreno sono visibili le tabernae; il piano superiore, il mezzanino, era destinato ad abitazione del gestore della taberna.Al di sopra si conservano altri piani, collegati da una scala interna di epoca medioevale.
 L'edificio, costruito in opera laterizia nel II secolo d.C., si addossa ad un muro in opera reticolata probabilmente appartenente ad un'opera di sistemazione del colle capitolino nel I secolo d.C.

Informazioni e prenotazioni: 

Intero: € 4,00
Ridotto: € 3,00
Ingresso gratuito per i possessori MIC card

Ingresso consentito solo a gruppi accompagnati. Max 12 persone a visita. Prenotazione obbligatoria allo 060608 dalle 9.00 alle 19.00.

Nel costo di ingresso non è compresa la visita guidata, a cura delle associazioni culturali.

Visibile in parte anche dall'esterno, di fianco alla scalinata dell'Ara Coeli.

Rione: 

VII - Regola

Galleria