Archeologia in Comune - Monte Testaccio

Monte Testaccio
Data: 
14/09/2021
Abstract: 

Visita guidata a cura di Francesco Pacetti

Il Monte Testaccio, familiarmente chiamato dai romani “monte dei cocci”, è in realtà il prodotto di un gigantesco accumulo volontario, formatosi tra il I e il III secolo d.C., composto esclusivamente da frammenti di anfore. In particolare, le anfore presenti a Monte Testaccio, provenivano dal sud della Spagna e erano destinate al commercio dell’olio che riforniva il mercato dell’Urbe. Questi contenitori, dopo il trasporto per mare, venivano scaricati nel vicino porto fluviale dell’Emporio. Considerati “vuoti a perdere”, una volta travasato il contenuto, erano ridotti in frantumi e portati in quella che si può definire la prima discarica “differenziata” nella storia.

Appuntamento: 

via Nicola Zabaglia 24, percorso con barriere architettoniche, sito non accessibile a disabili motori

Informazioni: 

Prenotazione obbligatoria allo 060608 (tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00)

Dal 6 agosto 2021 accesso consentito esclusivamente ai soggetti muniti di certificazione verde COVID-19 secondo quanto stabilito dal Decreto Legge n. 105 del 23 luglio 2021. La certificazione dovrà essere mostrata all’ingresso in formato digitale o cartaceo insieme ad un documento di identità in corso di validità per l’opportuna verifica.

Orario: 

14 settembre ore 9.00
Max.15 persone
 

Biglietto d'ingresso: 

Ingresso a pagamento € 4,00, gratuito per i possessori MIC card.

Prenotazione obbligatoria: 

Eventi correlati

Eventi correlati inversa

nei musei, aree archeologiche e su piattaforma Google Suite
02/07/2021 - 30/09/2021
Iniziativa didattica
nei musei, aree archeologiche e su piattaforma Google Suite
02/07/2021 - 30/09/2021
Iniziativa didattica